Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha chiuso con un lungo intervento la sesta edizione della Leopolda, una delle più tormentate della sua carriera politica. La kermesse fiorentina è stata infatti contraddistinta dalle proteste degli studenti universitari contro il nuovo calcolo dell’ISEE e dalle manifestazioni dei risparmiatori delle banche salvate dal Governo.

Lo scrittore campano Roberto Saviano ha chiesto le dimissioni del ministro delle Riforme Maria Elena Boschi a causa di un palese conflitto di interessi. Tra gli istituti di credito salvati c’è infatti anche Banca Etruria di cui era vicepresidente il padre della Boschi. Renzi nel discorso di chiusura della Leopolda è intervenuto sulla vicenda del salva-banche e degli obbligazionisti che hanno perso i loro risparmi, chiedendo alle opposizioni di non strumentalizzare i morti. Un riferimento al pensionato di Civitavecchia che si è suicidato nei giorni scorsi dopo aver perso i risparmi di una vita.

Chi pensa di strumentalizzare la vita delle persone deve fare pace con se stesso, ma chi pensa di strumentalizzare la morte delle persone personalmente mi fa schifo. Le polemiche politiche si fanno a viso aperto.

Renzi ha poi sottolineato che il sistema bancario italiano è più stabile di quello tedesco e che il governo farà di tutto per scoprire la verità e modificare quello che non funziona con nuove riforme. I primi interventi saranno indirizzati alle tante, troppe banche cooperative con molti amministratori. Il leader del PD ha poi rivendicato gli obiettivi raggiunti finora dall’esecutivo a partire dall’operazione di rottamazione che ha svecchiato dopo decenni la leadership del Paese.

Abbiamo messo 150 milioni in legge di stabilità sulla terra dei fuochi. Sulle tasse abbiamo fatto un’operazione talmente straordinaria da rasentare l’ambizione. Stiamo buttando giù le tasse, è la prima volta che accade, ha proseguito Renzi.

Sugli 80 euro in più in busta paga Renzi ha spiegato che a opporsi erano soltanto i contribuenti pieni di soldi, le famiglie in difficoltà hanno invece apprezzato la misura e hanno ripreso a spendere, facendo risalire per la prima volta dopo anni i consumi. Il Presidente del Consiglio si è poi detto certo che se si andasse oggi al voto il Pd non avrebbe rivali:

Noi non abbiamo bisogno di misure elettorali o di mancette perché vinceremmo con percentuali superiori a quelle delle europee.