Si celebrano oggi, 4 giugno, i 70 anni della liberazione di Roma. La fine dell’occupazione nazista nella Capitale d’Italia è uno degli episodi principali della Campagna militare degli alleati nella Seconda guerra mondiale.

Domenica 4 giugno 1944 le truppe della 5a armata americana, provenienti da Anzio e guidate dal generale Mark Wayne Clark, entrarono a Roma celebrate dalla popolazione. (foto InfoPhoto)

Finiva così, con la fuga dei tedeschi agli ordini del feldmaresciallo Albert Kesselring, l’occupazione nazista nella capitale e l’inferno di rastrellamenti, deportazioni e sofferenze che essa aveva portato. La popolazione romana il 16 ottobre 1943 dovette subire il duro regime di occupazione come la grande operazione di rastrellamento e deportazione degli ebrei romani.

La liberazione della Città Eterna ispirò uno dei più bei film della cinematografia italiana, “Roma città aperta” film del 1945 diretto da Roberto Rossellini, che rappresenta alla perfezione quei giorni.

A Roma in programma cinque giorni, dal 4 all’8 giugno, di eventi a ingresso gratuito: concerti, mostre, proiezioni, spettacoli teatrali, letture e dibattiti che coinvolgeranno la città intera, dal centro alle periferie, toccando i territori che conservano le tracce di uno dei momenti più importanti della nostra storia recente. Ai Fori Imperiali, il 7 giugno, sarà proiettata la versione restaurata del capolavoro di Rossellini.