Dopo il successo di “Hunger Games”, la trilogia distopica per young adult “Divergent” sta scalando la vetta delle classifiche di tutto il mondo, divenendo un vero e proprio caso editoriale, oltre che cinematografico.

Scritta dalla giovanissima Veronica Roth, la saga si apre con l’omonimo “Divergent” (pubblicato in Italia per la De Agostini il 22 marzo 2012) per proseguire con “Insurgent” (novembre 2013) e “Allegiant” (marzo 2014).

La vicenda è ambientata in una Chicago distopica, dove non esiste una società libera, ma tutti devono decidere a quale fazione appartenere tra le cinque disponibili. Peccato che a 16 anni – età in cui ogni individuo è chiamato a scegliere il proprio destino – i test di selezione rivelino a Beatrice che non appartiene a nessun gruppo: lei è Divergente, imprevedibile, e quindi costretta nascondersi in una delle fazioni, sperando che nessuno la scopra. Ma questo non è che l’inizio.

Dopo la firma della Grande Pace, Chicago è suddivisa in cinque fazioni consacrate ognuna a un valore: la sapienza per gli Eruditi, il coraggio per gli Intrepidi, l’amicizia per i Pacifici, l’altruismo per gli Abneganti e l’onestà per i Candidi. Beatrice deve scegliere a quale unirsi, con il rischio di rinunciare alla propria famiglia. Prendere una decisione non è facile e il test che dovrebbe indirizzarla verso l’unica strada a lei adatta, escludendo tutte le altre, si rivela inconcludente: in lei non c’è un solo tratto dominante, ma addirittura tre! Beatrice è una Divergente, e il suo segreto – se reso pubblico – le costerebbe la vita. Catapultata in un mondo duro e violento Beatrice scoprirà le crepe di una società che è tutto tranne che perfetta. Una società che la vorrebbe morta se scoprisse il suo segreto… Perché Beatrice non è una ragazza qualunque, lei è una divergent. Una diversa.

Uno stile narrativo asciutto, penetrante e incisivo, una protagonista forte e determinata, alle prese con delle scelte più che difficili e con un interessante universo distopico, questi i punti di forza che fanno di Divergent un romanzo avvincente e magnetico, che emoziona e conquista giocando su molteplici livelli emozionali.

Nel 2006, al primo anno di università, la Roth ha elaborato le idee embrionali: “A quel periodo risalgono i primi appunti riguardanti una determinata categoria di persone che desiderano eliminare la paura come stato d’animo, per creare individui senza fobie“, ha raccontato l’autrice. “Ho lasciato maturare queste idee per quattro anni, poi la prima bozza del romanzo ha avuto una gestazione di sei mesi. Quindi è successo tutto molto in fretta“. La Summit Entertainment ne ha acquistato i diritti per farne un film all’inizio del 2011, prima ancora della pubblicazione, insieme ai diritti per il film che verrà tratto dal secondo libro della saga, Insurgent. La pellicola, diretta da Neil Burger (The Illusionist e Limitless) e distribuita da Eagle Pictures, è arrivata nelle sale italiane lo scorso 3 aprile, incassando 2,3 milioni di euro.

I sequel del film sono già in lavorazione e usciranno nelle sale americane rispettivamente il 20 marzo 2015 e il 18 marzo 2016, ma molto attesa è anche la pubblicazione di “Four: A Divergent Story Collection”, prequel di Divergent, composto da 4 storie, uscito negli Stati Uniti l’8 luglio 2014 e previsto in Italia per gennaio 2015.

Che altro aggiungere?! Se non avete ancora avuto modo discoprire questa fantastica avventura, l’estete è il momento giusto per farlo!

L’AUTRICE

Veronica Roth, nasce a New York il 19 agosto 1988. Laureata in scrittura creativa presso la Northwestern University, ha esordito giovanissima (22 anni) con il bestseller Divergent, pubblicato negli Stati Uniti nel 2011 e rimasto nella top ten dei libri più venduti per tre mesi consecutivi. Ora vive a Chicago e fa la scrittrice a tempo pieno.