Una fase contrassegnata da una diminuzione dei valori dei canoni di locazione per bilocali e trilocali.

Una contrazione dei valori che si segnala anche nelle grandi città ad eccezione di Bari, che registra segnali leggermente positivi. Per quanto riguarda i valori medi quelli più elevati si registrano a Roma (860 euro al mese per un bilocale e 1070 euro al mese per un trilocale) e a Milano (750 euro al mese per un bilocale e 1020 euro al mese per un trilocale).

Anche in questo semestre si registrano numerosi casi di persone che non riescono ad accedere al mercato del credito. Per cui la domanda di immobili in affitto rimane senza risposta, nonostante l’ampia offerta di abitazioni sul mercato. Tuttavia a causa di queste difficoltà i canoni non sono aumentati in conseguenza della minore disponibilità di spesa dei potenziali affittuari.

L’analisi di Tecnocasa ha evidenziato che a cercar casa in affitto nel primo semestre del 2011 per il 45,6% sono i single, per il 37,4 % i coniugati, per il 13,3% i separati. E per quanto riguarda l’età, coloro che cercano casa in affitto per il 48% hanno un’età compresa tra 18 e 34 anni, per il 27,2% tra 35 e 44 anni.

Stando sempre sulle percentuali, il 62% degli intervistati cerca in affitto per trovare l’abitazione principale, il 34,7% cerca casa in affitto a causa di trasferimenti di lavoro ed, infine, il 3,3% si trasferisce per motivi di studio

Per le tipologie del contratto di locazione, si è notata una preferenza per il canone libero ovvero di quattro anni più quattro, al secondo posto viene l’affitto ad uso transitorio e infine quello concordato. Per la tipologia di appartamento si preferiscono in ordine il bilocale e il trilocale.

Anche in questo semestre i proprietari si sono mostrati meno propensi ad affittare l’immobile e, quando decidono, vogliono sempre maggiori garanzie sull’affidabilità dell’inquilino e la continuità dei pagamenti dei canoni di locazione.

Ma anche i potenziali locatari sono sempre più esigenti nella ricerca dell’immobile. In genere cercano soluzioni di qualità, ovvero esigono buono stato di conservazione dell’immobile, qualità dell’arredamento, il comfort di ambienti luminosi e di servizi in zona, il riscaldamento autonomo che consente una riduzione delle spese condominiali.