Una prostituta colombiana, residente a Piacenza, è stata trovata morta in un palazzo alla periferia di Lodi. Sul suo corpo sono state rinvenute tracce di violenza e così sono subito scattate le indagini, ancora in corso, utili a risalire all’autore (o autori) del tragico gesto. A trovare il cadavere è stato un vicino di casa che aveva notato macchie di sangue fresco sul pavimento dell’ascensore: così, arrivando alla porta d’ingresso della vittima, ha immediatamente chiamato i soccorsi.

Prostituta trovata morta da un vicino di casa

La vittima aveva 65 anni e, subito dopo la segnalazione da parte del vicino di casa, è stata trovata riversa sul pavimento, seminuda e coperta di sangue. Secondo quanto trapelato, sarebbe stata colpita da una serie di coltellate al torace, collo, volto e avambraccio destro. Una fine atroce per la donna su cui adesso gli inquirenti dovranno far luce, chiarendo la dinamica dei fatti e risalendo agli autori del gesto. Le ultime ferite, tra l’altro, sarebbero state inferte durante un tentativo, ormai disperato, della vittima di difendersi dal suo aguzzino.

Prostituta aveva 65 anni

La 65enne riceveva i suoi clienti all’interno della palazzina in cui è stata ritrovata ormai priva di vita. Il procuratore della Repubblica di Lodi, Domenico Chiaro, ha parlato di un “omicidio violentissimo”.