AGGIORNAMENTO ORE 20.40 - Il presunto killer sarebbe un cittadino britannico di 42 anni, un imam nato da una famiglia jamaicana nella zona est di Londra. Si tratta del portavoce di un’organizzazione terroristica di matrice islamica, già noto alle forze di polizia britanniche. Si era convertito all’islam il giorno prima di compiere 18 anni, nel 1993: è un elettricista, è sposato e ha tre figli.

Quattro le vittime dell’attacco a Londra: tra questi anche l’agente ferito con un coltello all’interno del Parlamento britannico. In totale sono circa 20 i feriti: nessuna rivendicazione, nessun italiano coinvolto.

AGGIORNAMENTO ORE 17.30 – Secondo una prima ricostruzione, un’auto è sopraggiunta sul posto dopo aver investito una dozzina di persone nei pressi del ponte di Westminster. A bordo un uomo vestito di nero dai tratti asiatici che – dopo essersi schiantato contro il cancello-  si è gettato in direzione del Parlamento, armato di due coltelli, con i quali ha aggredito un poliziotto ferendolo gravemente. Subito dopo è stato freddato dagli agenti a protezione del perimetro.

—-

Un uomo sarebbe stato fermato dalla polizia con una raffica di colpi davanti al Parlamento di Londra, in seguito a una sparatoria ingaggiata con le forze dell’ordine.

Panico nella capitale inglese, dove alcuni testimoni hanno riferito di una serie di colpi di arma da fuoco in prossimità di Westminster poco prima delle ore 15.

La Camera dei Comuni è stata dunque sigillata e la seduta in corso sospesa in attesa di aggiornamenti da parte delle istituzioni.

Un commesso parlamentare ha riferito alla stampa che vi sarebbero due persone ferite, già medicate nelle vicinanze dei cancelli dell’edificio, ma altre voci parlano di un dozzina di feriti in prossimità del ponte di Westminster, con ogni probabilità travolti da un’auto, forse quella che ha lasciato l’assalitore davanti al Parlamento.

I racconti rimangono confusi, in quanto l’uomo colpito dalla raffica della polizia è stato descritto come armato di coltello, e un agente pare essere stato pugnalato, mentre altre testimonianze parlano di uno scambio di colpi d’arma da fuoco.

Al momento l’unica conferma ufficiale arriva dall’account Twitter della polizia metropolitana, che riferisce: “Verso le 2,40 del pomeriggio siamo stati avvertiti di un incidente a Westminster Bridge. Il caso viene trattato come incidente d’arma da fuoco. La polizia è già sul luogo“.