Ormai è ufficiale e definitivo.
L’estate ci ha abbandonati. E l’autunno, mite e politicamente corretto, pure.

In estate, con 35 gradi all’ombra, è semplice creare un outfit il meno banale possibile, fresco e minimale: abbronzatura un minimo curata, capelli perennemente bagnati o quanto meno inumiditi, sandalo basso, due braccialetti e un’enorme borsa a fiori che fa tanto “giovinezza eterna”.

L’inverno è più problematico sotto tutti i punti di vista: le giornate sono più brevi, gli aperitivi con gli amici richiedono look più curati (nessuno ha mai capito perché, ma l’inverno ci rende tutti più fashion victim) e i tuoi capelli impazziscono come la maionese, per ragioni rese pubbliche solo a loro.
Come affrontare un simile clima di terrore con calma e sangue freddo?

Con organizzazione. In inverno il tempo si dimezza: esci di casa, vai in ufficio, rimani in ufficio e , nel migliore dei casi, dopo il lavoro, scatti come una gazzella verso l’happy hour, meta felice delle single che assolutamente non vogliono saperne di cucinare per qualcuno che non sia il gatto.

E qui scatta il problema, come conciliare look da ufficio e look da “aperitivo/forseacchiappo”?

Con i giusti dettagli. Da tenere in borsa: un rossetto “importante”, una coda più tirata degli zigomi di Cher, smalto alle zampe superiori e giusta scarpa a quelle inferiori.

Per chi non avesse né tempo, né voglia, né “la certezza” di scegliere tutte le mattine quello che vuole, sappia che L’Autre Chose, brand rinomato in tutto il mondo per la produzione di scarpe italiane, ha appena messo al mondo una collezione di stivali da donna calma nervi”.

Lo stivale di per sé fa subito vestita e questi modelli in particolare, lineari e dai colori facilmente abbinabili salvano qualunque gallina ormai arresa ai capricci della moda dal venire additata come :”sciatta!” il peggior insulto che si possa fare a una donna nel 2013.

Dal tronchetto, allo stivale sotto il ginocchio blu cobalto, questi modelli sono un dettaglio che salverà oltre che la vostra immagine sul lavoro e la vostra vita sociale, la vostra autostima. Per quell’amica acida e critica diventerete come la muraglia cinese dello stile: inattaccabile!

Publiredazionale