È il caso di dirlo, “pancia mia fatti capanna”.

Colpo grosso, anzi gustoso, in casa Lvmh. È stato infatti il polo francese del lusso ad aggiudicarsi una fetta di partecipazione della storica Pasticceria Confetteria Cova.

In barba a Prada, che fino a poco tempo fa sembrava essere sul punto di espandere i confini del proprio eclettico impero arrivando a comprendere anche l’arte culinaria con l’acquisto della celebre pâtisserie italiana.

Secondo l’antico detto “la classe non è acqua”, il gruppo francese sembra però non volere mettere le mani in pasta, nel senso letterale della parola, lasciando a chi di dolci ne sa il compito di gestire la Pasticceria più celebre di Via Montenapoleone.

Sarà infatti sempre la famiglia Faccioli, storica proprietaria, ad occuparsi del management, oltre che a detenere una quota di capitale.

Non sembra quindi essere sulla via del tramonto la crescita di Cova, che a colpi di creme e pasticcini sta conquistando il mondo intero, Cina e Giappone compresi.

Anzi, c’è da scommettere che con questa nuova partecipazione la stella di una delle eccellenze della pasticceria italiana brillerà sempre più.

Con buona pace del gruppo Lvmh, che tra le sue fila conta maison del calibro di Fendi ed Emilio Pucci: che a colpi di dolci e dolcetti le loro clienti non entrino più nei propri vestiti dovendone comprare di nuovi?

photo credit: Michelle Gow via photpin cc