Sono immagini raccapriccianti quelle che vengono dagli Stati Uniti dove si vede una maestra togliere il microfono proprio nel momento in cui un bimbo si avvicina per salutare il pubblico dal palco. Un momento che doveva essere di gioia e che, invece, si trasforma in una pessima scena con un bimbo che scoppia a piangere durante la recita della sua scuola. E’ successo a Clarksbrug, nel west Virginia: la vittima del presunto abuso è un piccolo di 6 anni che soffre di autismo mentre l’autrice del gesto è una maestra di scuola elementare.

Ragazzo autistico scoppia a piangere sul palco

“Mio figlio è leggermente diverso, lo so, ma il suo cuore è grande e ama tutti quanti” ha dichiarato la madre del bimbo autistico. “Sono stanca che i bambini non considerati normali vengano trattati in questo modo” ha aggiunto. La maestra di questa scuola elementare americana, forse, dovrebbe prendere spunto dalla storia di Samuele Di Natale, giovane ragazzo autistico di Gela, che non solo si è diplomato col massimo dei voti ma è riuscito anche a trovare un lavoro che lo gratifica. Segno che nessuna discriminazione può essere ammessa e che i limiti, se c’è la volontà, possono essere superati. Sempre.