Martedì sarà un altro giorno importante per l’inchiesta su Mafia Capitale. Il 16 giugno, infatti, sarà consegnata al prefetto di Roma, Franco Gabrielli, la relazione degli ispettori sullo stato dell’amministrazione del Campidoglio dopo le rivelazioni dell’inchiesta su Mafia Capitale. Sulla base del rapporto, Gabrielli, già al centro della notizia di ieri riguardante il commissariamento per la gestione dei fondi del Giubileo, dovrà decidere entro 45 giorni se proporre o meno al ministro dell’Interno Angelino Alfano lo scioglimento del Comune per infiltrazioni mafiose.

Il documento sarà consegnato a Gabrielli da Marilisa Magno, prefetto presidente della commissione di accesso agli atti del Comune, nominata il 15 dicembre scorso dall’allora prefetto Giuseppe Pecoraro dopo la prima ondata di arresti nell’ambito dell’inchiesta guidata dal procuratore di Roma Giuseppe Pignatone con i Ros di Mario Parente. I tre ispettori della prefettura incaricati dell’accesso agli atti del Campidoglio hanno avuto sei mesi di tempo documentare le irregolarità degli uffici messo evidenziate dall’inchiesta.

Intanto a Roma ha preso il via il tesseramento al Pd di Roma con un nuovo regolamento approvato dalla direzione due giorni fa dopo lo scandalo di “Mafia Capitale”. Piazze e circoli della Capitale ospiteranno per tutto il weekend i gazebo per l’iscrizione: il costo della tessera salirà da 20 a 30 euro e ogni iscritto dovrà inviare una conferma della registrazione tramite sms o e-mail.