Si sentiva male, era in preda a forti dolori. E’ andata al pronto soccorso, ma l’hanno rimandata a casa con antidolorifici. Questo per ben sette volte. Solo una radiografia ha scoperto la causa del problema: nel suo addome c’erano due garze e un ferro chirurgico.

Questo evidente caso di malasanità ha coinvolto una donna quarantenne di Vercelli. Gli attrezzi sono stati dimenticati nel suo corpo dopo un’operazione (foto by InfoPhoto) a cui era stata sottoposta più di un anno prima. La donna ha vissuto per 15 mesi con questi corpi estranei.

Sacrosanta la denuncia. La Procura del capoluogo piemontese ha affidato le indagini ai Carabinieri del Nas di Torino. Attualmente sono stati sequestrati alcuni documenti, tra cui la cartella clinica della paziente.

La donna è stata operata nel 2012 all’ospedale di Vercelli per una isterectomia (rimozione dell’utero). Ma i dolori non sono passati, anzi sono aumentati nel corso dei mesi. Ma ogni volta veniva rispedita indietro, fino a quando, lo scorso febbraio, qualcuno ha deciso di fare una radiografia. Subito dopo è stata nuovamente operata per rimuovere gli oggetti dimenticati.