L’ondata di maltempo che in queste ore sta colpendo soprattutto le Regioni Liguria e Piemonte era stata annunciata e non sta smentendo le attese. Le condizioni meteo sono nettamente peggiorate nella parte nord-occidentale del Paese ma si attende che l’allerta possa estendersi anche alla Valle d’Aosta e fino alla Toscana.

Il maltempo sembra però essersi concentrato soprattutto sulla Liguria – dove per oggi e domani è stata emanata l’allerta rossa) e sul Piemonte, dov’è esondato anche il fiume Tanaro, in provincia di Cuneo. I sindaci dei Comuni di Ceva e Garessio (sempre in provincia di Cuneo) avrebbero addirittura parlato di un rischio alluvione molto simile a quella che colpì la zona nel 1994. Il governatore della regione Piemonte, Sergio Chiamparino, si dice già pronto a fare richiesta per lo stato di calamità, che dovrebbe essere estesa a tutta la valle del fiume Tanaro. L’allerta rossa, nella Regione, è stata comunque estesa anche alla pianura e alle colline di Torino. Nel frattempo è invece stata assegnata l’allerta gialla in Valle d’Aosta e Toscana.

Maltempo: situazione in Liguria

Per quanto riguarda la Regione Liguria, si registrano una decina di famiglie sfollate a titolo precauzionale nella zona del Savonese. A preoccupare sarebbero soprattutto i livelli di alcuni torrenti che avrebbero superato la soglia di allerta di piena ordinaria (Argentina nel comune di Montalto Ligure, provincia di Imperia, e Arroscia tra l’Imperiese e Savonese). L’allerta rossa, nella Regione, è stata quindi prolungata fino alle ore 12:00 di domani. Una situazione molto delicata, insomma, che sta creando non pochi problemi alla cittadinanza.