[AGGIORNAMENTO] Mentre è ormai rientrata l’allerta meteo in Liguria, purtroppo giungono pessime notizie dal Piacentino, dove il cadavere dell’uomo disperso è stato ritrovato. Si tratta della guardia giurata Luifi Albertelli di 56 anni di Pontedellolio. Il corpo, rinvenuto in località Riva, si trovava a poca distanza dalla carcassa della vettura travolta dalle forti correnti. Il bilancio rischia di salire ancora: risultano dispersi anche due fratelli di Bettola.

Nel frattempo, fin da questa mattina alla Protezione Civile sono giunte numerose richieste di soccorso dopo che i forti venti e il successivo temporale ha causato danni in Friuli: si segnalano allagamenti e strade interrotte, in particolare nelle zone di Muzzana del Turgnano (Udine), Gonars, Pradamano, Cividale, Premariacco e Pavia di Udine.

Genova, la Liguria e il Piacentino stanno attraversando momenti difficili dopo il nubifragio che questa notte si è abbattuto su tutto il territorio. Tante le situazioni critiche che sono state segnalate da cittadini e amministrazioni locali nelle ultime ore.

Si parte dall’esondazione del torrente Scrivia, che a Montoggio ha superato gli argini dopo le forti piogge e si è riversato nelle strade, invadendo scantinati e abitazioni. Medesima situazione anche a Rezzoaglio, dove il rio coinvolto è l’Aveto, e a Genova: in questo caso gli oltre 200mm di pioggia hanno fatto straripare il Bisagno e il Fereggiano.

In particolar modo il maltempo nel capoluogo ligure si è manifestato sotto forma di una tromba d’aria che ha devastato i quartieri di Borgo Incrociati e Marasso: impossibile la circolazione delle automobili a causa dello straripamento del Bisagno, e sono stati rilevati crolli di alberi, cartelloni, muraglioni e crepe nel manto stradale. Per la situazione d’emergenza venutasi a creare sono state chiusi molteplici istituti scolastici, tra cui la scuola Massimo d’Azeglio, la Andersen e la Gilberto Govi.

Varie frane sono state registrate nella zona di Levante: colpite Portofino, Camogli, Sori e Recco. Tuttavia il livello di allerta è stato abbassato all’1, quello inferiore, dopo essere arrivato al 2 durante la notte. Si prevede quindi che la situazione meteorologica possa migliorare nelle prossime ore.

Nel Piacentino invece c’è grande preoccupazione dopo che nella notte a Bettola è straripato il fiume Trebbia, portando con sé una vettura con almeno una persona ancora a bordo. Non si tratterebbe però dell’unica automobile trascinata dalle acque in piena, ma i vigili del fuoco e i sommozzatori stanno facendo di tutto per rintracciare la vettura e sopratutto il passeggero.

A Statto, sempre nel Piacentino, una famiglia è stata tratta in salvo grazie a un gommone dopo essere rimasta intrappolata in casa a causa dello straripamento delle acque del Trebbia.