L’inverno ha fatto il suo ingresso nelle vite degli italiani. E che cosa identifica questa stagione se non il freddo e la neve? Il primo, gelido, è già arrivato da qualche giorno. I fiocchi bianchi ad inondare le strade italiche arriveranno da qui a breve, anche se in alcune zone ha già fatto la sua comparsata. Insomma, freddo, vento, gelo e neve: ecco che l’inverno c’è.

Da nord a sud, correnti polari spazzano via gli ultimi residui di bella stagione. A far cambiare il clima delle correnti provenienti dal Nord Europa, che stanno interessando l’Italia e continueranno a portare nei prossimi giorni, tempo instabile, freddo e ventoso. Tante le zone che già hanno subito danni: crollato un ponte a Rigoli, nel comune di San Giuliano in provincia di Pisa, dove ha anche ceduto un pezzo di argine.

Dunque, arrivate le prime nevi e stazioni sciistiche che già hanno aperto i battenti. Oggi secondo impulso artico del mese, i venti da nord e di maestrale, le piogge al sud e sulla Sicilia e sulla Sardegna, porteranno gelate al centronord fino in pianura. Da domani e sabato ci sarà un vortice sull’Italia con due occhi sul Tirreno e sull’alto Adriatico e una forte perturbazione. La neve sarà presente al nord fino in pianura, anche a soli 500 metri d’altitudine. Sabato, poi, neve sulle Venezie, Emilia fino in Romagna la sera, Bora a 90km/h, maltempo al sud e Sicilia, nubifragi in Campania. E domenica le cose non andranno meglio: il bel tempo è ormai un miraggio, ma d’altronde il Natale ha sempre significato freddo e neve.