Il maltempo che sta flagellando gran parte dell’Italia non ha risparmiato neanche Milano e la Lombardia.

Ieri il capoluogo è stato travolto dall’esondazione di Lambro e Seveso (nuovamente, dopo le piene di giugno-luglio), che sono usciti dai loro argini e hanno causato notevoli disagi a tutta la città.

In particolar modo nel pomeriggio è stata toccata prima la zona di Niguarda, in modo più lieve, ma la seconda ondata, più decisa e corposa, si è spinta fino in viale Fulvio Testi e viale Zara, rendendo inutilizzabili le rispettive stazioni della metro lilla. Preoccupazione anche per le comunità presenti al parco Lambro (tra cui la nota Exodus di Don Mazzi), che sono state fatte evacuare dopo la fuoriuscita del fiume.

A essere colpita è stata anche la stazione della metropolitana di Garibaldi, completamente sommersa dall’acqua e resa inagibile. Per la giornata di oggi il comune ha chiesto di utilizzare il più possibile i mezzi pubblici, ma l’allarme dalle prime ore della giornata sembra ormai essere rientrato: il Seveso è tornato a livelli accettabili, mentre il Lambro è ancora a livelli di guardia e deve essere tenuto sotto osservazione.

Purtroppo al di fuori di Milano la situazione meteorologica ha procurato anche delle vittime. Un settantenne di Ispra - Bodio Lomnago ieri è caduto nel lago Maggiore nel tentativo di ormeggio della propria barca. Si segnala anche un altro decesso a Crema, dove i sommozzatori hanno recuperato il cadavere di un dipendente comunale, intento nell’apertura di una chiusa allo scopo di far defluire l’acqua dalla roggia di un mulino.

Per la giornata odierna sono previsti rischi moderati anche per quanto riguarda il fiume Po, coinvolgendo così la provincia di Pavia, Cremona e Mantova. Nel Varesotto il livello raggiunto dal lago è preoccupante, ma per ora la situazione è sotto controllo e in miglioramento. Le autorità consigliano di evitare viaggi, a meno che non sia strettamente necessario, e nel caso di non sostare assolutamente sui ponti, mantenendosi sempre distanti da fiumi e laghi.

Foto: 7baby7 via Twitter