Buona parte dell’Italia è colpita dal maltempo, pioggia e grandine continuano a colpire in particolare le regioni centromeridionali – a Roma interi quartiere si sono risvegliati oggi imbiancati da un fitto strato di grandine, mentre il ghiaccio ha causato diversi incidenti stradali. Si prevede neve in Campania e Calabria sopra i 200/400 metri, e a quanto sembra il tempo dovrebbe peggiorare ancora perché domani dovrebbe arrivare un ciclone mediterraneo.

Mercoledì sono attese nevicate anche in pianura in Piemonte, Lombardia ed Emilia, mentre nel centro dovrebbe piovere con una certa intensità. Giovedì è attesa poi una gran nevicata su Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia, buona parte del Veneto, ed anche in Liguria. Il tempo dovrebbe migliorare solo nel week-end. Sardegna sotto zero, piogge, grandine e ghiaccio dal Sulcis alla Gallura, con temperature sotto lo zero, disagi sulle strade, e neve sopra i 500 metri di quota. Per questo sono state chiuse le scuole nella provincia di Nuoro come in quella di Cagliari, ma anche a Potenza ed in Basilicata. La neve è arrivata anche in provincia di Foggia. Il Maltempo poi ha causato 50 interventi dei Vigili del Fuoco a Napoli e provincia – con le pendici del Vesuvio imbiancate.

Non va meglio in Sicilia occidentale: il maltempo sta colpendo Palermo da quattro giorni. Il rischio di valanghe in montagna è marcato, ad esempio in Alto Adige è paria 3 – in una scala da 1 a 5. Massima allerta anche per il soccorso alpino della Calabria e della Basilicata.  Le cose al Nord non vanno meglio – i suoi abitanti però sono più abituati a queste situazioni. A quanto sembra il 18% del centro storico di Venezia è andato sott’acqua, con un’acqua alta che ha raggiunto un record di 113 centimetri sul livello del mare. E domani dovrebbero esserci altri due episodi simili – uno alle 10 ed uno alle 23.15 – entrambi con un altezza sul livello del mare di 110 centimetri.

Photocredit: Pixabay.