Torna l’allerta meteo nel Nord Italia, per la terza volta in brevissimo tempo. E a farne le spese sono soprattutto i cittadini, stretti nella morsa dei disagi e della paura, terrorizzati dall’idea di ritrovarsi alluvionati e con le proprie case distrutte. L’allarme è alto soprattutto nella Regione Liguria, la più colpita, che in questa stagione sta pagando pesantemente sia un’ondata di persistenti perturbazioni sia tutti gli anni in cui non si sono fatti interventi per metterne in sicurezza il territorio.

Le immagini di una Genova ferita e ricoperta di fango sono ancora vive nella mente di tutti e l’idea che possano ripresentarsi, fa montare la rabbia di tutti. L’ipotesi non è poi così lontana dato che il sindaco della città, Marco Doria, ha invitato la popolazione a non uscire di casa e ad adottare tutte le norme di autoprotezione.

Attualmente però una persona risulta dispersa, dopo che la sua auto è stata travolta da un torrente a Mignanego, in provincia di Genova. L’allerta meteo è stata lanciata fino alle ore 24 della giornata di oggi e non solo nella Regione Liguria ma anche in Piemonte e Lombardia.

Viabilità in Liguria

Il maltempo ha come al solito colpito pesantemente la viabilità, sia stradale sia ferroviaria. I treni sono fermi sulle linee Genova-Torino e Genova-Milano per allagamenti e caduta di alberi tra Arquata Scrivia e Genova e sono interrotti anche alcuni tratti della Savona-Ventimiglia. Per quanto riguarda le autostrade, l’A10 Genova-Savona è chiusa tra Genova Voltri e Genova Aeroporto in direzione Genova per interventi di stabilizzazione dovuti ad una frana; chiusa l’A7 a Serravalle, in direzione Genova. Cancellati voli all’aeroporto.

Piemonte e Lombardia

Situazione drammatica anche in Piemonte, come già anticipato, dove il livello di guardia è stato alzato al grado due (il massimo è tre) in almeno quattro delle undici aree in cui la regione è suddivisa. Problemi soprattutto nella zona dell’alessandrino mentre tornano a salire i laghi Maggiore e Orta.

In Lombardia esondati i fiumi Seveso in zona Niguarda (per l’ennesima volta in breve tempo) e Lambro, mentre stia pare stia tornando alla normalità il livello dell’Adda.

Le prossime regioni che potrebbero essere interessate dall’ondata di maltempo, che si sta spostando al centro-sud, potrebbero essere Toscana, Emilia Romagna e Campania.

(photo credit: @tsumio4 on Twitter)