Io sono un cinico. Niente di nuovo. Lo sanno tutti quelli che mi conoscono. Dal vivo e sui social. Ma ci sono cose che mi toccano dentro. L’ho scritto stanotte su Fb: E ad un tratto su internet siamo tutti sardi. E poi dicono che questo non è un bel posto.

Ieri sera il web ha dato l’ennesima prova della sua forza. La Sardegna combatteva contro Cleopatra e internet provava a dare una mano. Facendo il possibile. Twitter è diventato il centro operativo di una protezione civile virtuale a misura d’uomo.

Ho visto persone twittare il proprio numero di cellulare, mettendo a disposizione la casa agli sfollati. Gli alberghi hanno aperto le porte a tutti. I testimoni twittavano le condizioni delle strade e delle case. E chi vive lontano dalla splendida Sardegna ha iniziato a condividere, retwittare, dare informazioni utili. Qualcuno diceva di aprire la wifi per dare a tutti la possibilità di comunicare. Altri spiegavano come togliere la password alla wifi. Tutti insieme. Una famiglia. Tutti sardi. Ovunque fossimo.

Ieri sera su internet ho visto la voglia degli italiani di restare uniti. Intanto Bruno Vespa parlava con Alfano dei capricci della politica nostrana. Poi durante un tg della notte ho sentito queste parole: “Il web si è già messo in moto per dare una mano”. Mentre la televisione dormiva. Ma questa non è una novità.

Silvio De Rossi su @Twitter e @Facebook

n.b.
Blogger Inside è una rubrica nonsense, nata senza un senso (appunto, nonsense) apparente. Chiedo scusa a tutti quelli che hanno le idee sempre (troppo) chiare. Peace.