Terribile caso di maltrattamenti ad anziani quello scoperto dai carabinieri di Parma nell’ambito di un’indagine nella casa di riposo Villa Matilde di Neviano degli Arduini.

Gli ospiti della struttura venivano sottoposti a ogni tipo di vessazioni e angherie. A essere soggetti all’ordinanza di custodia cautelare sono sette assistenti della residenza, accusati di maltrattamenti aggravati.

L’indagine ha avuto inizio da ottobre del 2015, quando alcune informazioni erano giunte all’attenzione dei carabinieri riguardo agli abusi inflitti agli ospiti della casa di riposto. È seguito poi un lavoro di intercettazione audio e video per avere conferma dei sospetti.

Gli anziani, tra le altre cose, venivano costretti a mangiare la pasta dalle piastrelle del pavimento come punizione per aver lasciato cadere il cibo dal piatto. Non si contano poi le minacce e i gesti di violenza fisica e psicologica come schiaffi, calci, spinte altri tipi di percosse, nonché i lunghi ritardi nell’assistenza agli anziani che venivano lasciati a lungo senza essere cambiati.

Per quanto la dirigenza della struttura non sia indagate le investigazioni stanno ancora proseguendo e sotto richiesta della Procura i carabinieri hanno avviato una ulteriore notifica ad altri cinque dipendenti di un’informazione di garanzia per gli stessi reati per i quali sono accusati i sette indagati.