A volte i bambini sono troppo irrequieti e, non riuscendo per natura a frenare i loro comportamenti, è compito dei genitori sorvegliarli, rimproverarli e dare il buon esempio. Purtroppo non è questo il caso di due mamme che erano in visita al museo del vetro di Shanghai proprio il giorno dopo la “Giornata Internazionale dei Musei”.

I bambini, lasciati senza controllo, hanno infatti oltrepassato la barriera protettiva di un’importante scultura e, come se non bastasse, hanno distrutto con disinvoltura l’opera d’arte dal valore inestimabile. Si trattata del pezzo “Angel is waiting” dell’artista Shelly Xue, dedicato alla figlia appena nata e per la cui progettazione lo scultore ha impiegato ben ventisette mesi. Le telecamere a circuito chiuso del museo hanno ripreso il misfatto e ciò che ha lasciato tutti a bocca aperta è stato il comportamento delle due donne che, invece di richiamare i bambini, hanno trovato così divertente il momento da riprenderlo con il loro cellulari. Un atteggiamento davvero ingiustificabile tanto che il filmato, finito sul web, ha innescato le polemiche di moltissimi utenti che adesso pretendono un giusto provvedimento per le mamme di cui ancora si ignora l’identità. Intanto l’opera danneggiata non è stata eliminata dalla collezione: l’artista ha voluto emblematicamente esporla di nuovo rinominandola “Broken” e installando accanto uno schermo sul quale viene trasmessa a ripetizione la scena dell’atto vandalico.