Una vera e propria maratona di trapianti quella che il 22 e il 23 gennaio scorso ha visto protagoniste le équipe chirurgiche dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.   Nell’arco di 17 ore sono stati effettuati ben 3 trapianti in contemporanea per preservare l’integrità e la funzionalità degli organi che si erano resi disponibili. Gli interventi hanno visto coinvolti in tutto 24 specialisti. Chirurghi, infermieri e anestesisti si sono messi al lavoro in 3 sale operatorie per effettuare un trapianto di fegato e due trapianti di reni a 3 bambini.

Il trapianto di fegato, iniziato giovedì 22 gennaio alle ore 14:22, è avvenuto su un paziente di soli 8 mesi colpito da atresia biliare. I trapianti di reni sono stati eseguiti su due ragazzi da tempo in lista d’attesa per la donazione degli organi.

L’ospedale ha reso noto che tutti e tre i trapianti sono riusciti perfettamente. I pazienti non sono più in terapia intensiva e stanno reagendo bene alle cure post-operatorie. La direzione si è detta soddisfatta dalla riuscita degli interventi, sottolineando che durante i trapianti l’ospedale ha continuato a garantire anche le prestazioni chirurgiche ordinarie.

Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha voluto esprimere la sua gratitudine ai medici del Bambino Gesù per l’ottimo lavoro svolto:

Voglio esprimere a titolo personale e a nome dell’intera amministrazione regionale un grazie per le straordinarie capacità e la professionalità dimostrate. Il Bambino Gesù si conferma ancora una volta eccellenza del territorio e del sistema sanitario del Lazio con il suo patrimonio di umanità e conoscenza.

Il pensiero del dottor Sergio Giuseppe, responsabile Anestesia, Rianimazione e Camere Operatore del Bambino Gesù, è andato ai genitori dei bambini che hanno donato gli organi:

Voglio ringraziare tutti quei genitori generosi e sensibili che, nonostante il dolore della perdita, fanno sì che altre giovani vite possano essere salvate.

L’ospedale  romano dal 1993 a oggi ha eseguito oltre 312 trapianti di rene. I trapianti di fegato negli ultimi 7 anni sono stati oltre 142. Ben il 95% dei pazienti è sopravvissuto al delicato intervento.