Mentre Marcello Dell’Utri attende di essere estradato in Italia dopo il fermo in Libano, emergono altri particolari sul perché l’ex senatore del Pdl si trovasse nel Paese mediorientale. Secondo quanto riporta il quotidiano Repubblica, Silvio Berlusconi avrebbe confidato ad un gruppo ristretto di dirigenti di Forza Italia: “L’ho spedito io a Beirut qualche giorno fa, perché Vladimir Putin mi ha chiesto di sostenere la campagna elettorale di Amin Gemayel“. Gemayel è stato presidente del Libano negli anni ’80 e sta per ricandidarsi alle prossime elezioni di novembre.

Queste frasi, aggiunge il quotidiano diretto da Ezio Mauro, sarebbero state pronunciate da Berlusconi durante un colloquio a Villa San Martino sulle elezioni europee. Il leader di Forza Italia avrebbe anche, aggiunge Repubblica, ricevuto da Dell’Utri (foto by InfoPhoto) garanzie di un suo ritorno a breve in Italia prima della sentenza della Cassazione.

Martedì 15 aprile la Cassazione si pronuncerà sul ricorso presentato dai legali dell’ex senatore contro la condanna a 7 anni inflittagli per concorso esterno in associazione mafiosa. Nel frattempo, le autorità libanesi devono ancora convalidare il fermo di Dell’Utri. E’ una condizione necessaria perché possa essere concessa l’estradizione chiesta dall’Italia. Il provvedimento dovrebbe essere emesso il 14 aprile.