Prende il nome del fondatore della società Fulmar srl, Marco Moretti scomparso nel 2009l, la nuova nave varata sabato 17 dicembre nel porto di Ancona. Ad ispirare il progetto di questa motonave sono stati il rispetto per l’ambiente, al quale l’uomo era sempre stato attento, e lo sviluppo economico. Per questo “Marco”, costruita nei cantieri della Cpn srl, verrà utilizzata per il recupero dei rifiuti provenienti delle acque di sentina delle navi in transito nell’adriatico. Le acque di sentina sono i liquidi di servizio, che producono le imbarcazioni: le acque grigie, quelle nere, gli eccessi dei condizionatori, l’acqua sporca del lavaggio motori e ponti e tutti i liquidi connessi. Ovviamente questi andrebbero debitamente smaltiti in porto ma spesso le navi non se ne curano oppure, peggio, le scaricano in modo fraudolento durante la navigazione. “il varo – ha detto Massimo Belardinelli – e’ un segnale economico positivo in un periodo che vede le imprese in grande difficoltà e spesso costrette a dismissioni piuttosto che a investimenti”. Alla cerimonia del varo era presente anche Tito Vespasiani, segretario generale dell’Autorita’ portuale.