Ignazio Marino questa notte è stato colpito da un malore. Il discusso e contestato sindaco di Roma si trova attualmente ricoverato al Policlinico Gemelli della Capitale e ovviamente è stato costretto ad annullare gli impegni previsti per la giornata.

Sembra che Ignazio Marino sia stato colpito da una colica renale. Il sindaco di Roma è stato portato all’ospedale Gemelli dai suoi familiari e al momento si trova sotto osservazione. I medici del Policlinico lo stanno visitando e dovranno decidere se dimetterlo, eventualmente già in giornata. Per lui comunque si sarebbe trattato di un lieve malore.

Marino ha dovuto cancellare i suoi impegni da primo cittadino della giornata. Alle ore 9:30 di questa mattina era infatti atteso per un’audizione della commissione parlamentare di inchiesta sul sistema di accoglienza e di identificazione dei migranti, un tema su cui era stato convocato nei giorni scorsi pure il prefetto Franco Gabrielli. L’appuntamento è stato cancellato per motivi medici.

Per Marino prosegue quindi il periodo davvero no. Il sindaco di Roma si trova attualmente coinvolto in varie polemiche politiche. L’opposizione, capitanata dal Movimento 5 Stelle, chiede a gran voce le sue dimissioni per via della delicata questione Mafia Capitale, che comunque non lo vede coinvolto nelle indagini in prima persona. Da parte del Partito Democratico, che inizialmente l’aveva sempre difeso e aveva fatto quadrato intorno a lui, negli ultimi tempi inoltre le cose stanno cambiando. Il sostegno da parte di Matteo Renzi sembra in bilico ed è ormai celebre la dichiarazione del premier, che pochi giorni fa aveva dichiarato: “fossi in Marino non starei tranquillo”.

Giusto ieri, Marino aveva intanto inaugurato la nuova tratta della metro Mirti-Lodi, affermando di essere: “molto orgoglioso di questo risultato: se avessi detto, all’inizio della consiliatura, quando ho visitato i cantieri, trovato la talpa smontata, le betoniere ai Fori e le proteste, di inaugurare 18 km di stazioni entro due anni nessuno ci avrebbe creduto. In ognuna delle stazioni metteremo delle opere d’arte importanti proprio per ricordare l’importanza che ha la metro C per una città che è Capitale d’Italia. Qui nella stazione Teano metteremo il calco a grandezza naturale utilizzato per realizzare la copia del Marco Aurelio che è in piazza del Campidoglio. Sarà un calco a grandezza naturale”.