Il sindaco di Roma Ignazio Marino è andato, nel pomeriggio, al quartiere di Tor Sapienza dove da alcuni giorni è in atto la protesta anti- immigrati di una parte della cittadinanza residente nel quartiere romano ed è stato accolto tra fischi e al grido di “Vattene, ci hai rovinato” .

Il Sindaco da subito è stato assediato sia dai residenti ha dichiarato : “L’accoglienza è una cosa, la violenza e il disagio un’altra. Ci concentreremo sui problemi di questo quartiere senza venire meno all’accoglienza. I media vi hanno dipinto come criminali e razzisti ma siete persone come noi che cercano la felicità per se stessi e per i propri figli”.

Il tutto è avvenuto all’interno del locale dove, qualche giorno fa, i gestori si sono rifiutati di servire due caffè a degli stranieri. L’incontro tra il sindaco Marino e alcuni rappresentanti dei vari comitati di quartiere è stato teso e fuori dal locale l’atmosfera è diventata incandescente, i cittadini hanno più volte sottolineato di non essere razzisti ma solo esasperati dalla situazione che si vive nel quartiere.

Ignazio Marino nella suo passaggio nelle palazzine degradate da dove è partita la rivolta ha raccontato: “Hanno detto che queste persone sono razziste, ma non è così. Sono persone del quartiere che cercano solo la felicità e ha poi annunciato che domani mattina, sabato, avrà un incontro con tutti i rappresentanti di quartiere per trovare delle soluzioni efficaci alla riqualificazione  e inclusione sociale dell’intera area.

Le tensioni a Tor Sapienza rimangono e il clima di violenza non si placa dopo gli scontri con i migranti ospitati nel centro di accoglienza e la visita del sindaco di Roma.