Mario Adinolfi non ha perso tempo per far sentire la propria voce: è infatti trascorso solo un giorno dalla morte di Fabiano Antoniani, noto come Dj Fabo.

Il 39enne, divenuto cieco e tetraplegico dopo un incidente stradale, ha scelto di recarsi in Svizzera per essere sottoposto alla pratica del suicidio assistito. A 24 ore dalla vicenda il caso ha iniziato a far discutere il mondo politico, ed ecco arrivare la dirompente opinione di Adinolfi, fondatore del partito del Popolo della Famiglia e del quotidiano La Croce.

Due i post pubblicati su Facebook nei quali Adinolfi ha paragonato senza mezzi termini la legge sull’eutanasia che ha permesso la morte di Dj Fabo e la soppressione dei disabili nella Germania nazista. A far discutere sono almeno due dati segnalati dal politico conservatore: quello relativo al “trattamento gratuito” fornito da Hitler, paragonato a una prestazione medica, e le cifre che vorrebbero affiancare Olanda e Belgio moderne alla Germania nazista.

Questi i due post completi.

Tra il 1939 e il 1941 l’Ente Pubblico per la Salute e l’Assistenza Sociale del Terzo Reich “disinfettò” (cioè uccise) 70.273 malati gravi (disabili fisici e psichici), ad un ritmo dunque di 23mila l’anno. La legge sull’eutanasia in Olanda e Belgio ha prodotto circa 15mila morti nel 2016, su una popolazione inferiore della metà rispetto a quella della Germania nazista. Il fine era il risparmio: curare costava molto, 3.50 Reichsmark a disabile. Voi credete che i 23mila tedeschi uccisi nel 1941 non abbiano avuto scelta mentre i 15mila del Benelux nel 2016 sì. Ed è questo che non avete capito. Se passano leggi sull’eutanasia, puoi stare sotto Hitler o la finta democrazia, scelta non c’è: c’è chi fa di conto e chi non produce va eliminato. In Svizzera si fanno pure pagare, Exit e Dignitas incassano 18mila euro a cliente. Non vi fanno schifo?”

mario_adinolfi_dj_fabo_eutanasia

Facebook – Mario Adinolfi

Dj Fabo è morto. Ora la nostra domanda è semplice: speculando su questa tragedia, che legge volete? Volete il sistema svizzero, che sopprime un disabile a listino prezzi? Iniezione di pentobarbital, pratiche e funerale, diciottomila euro tutto incluso. Volete sfruttare l’onda emotiva per ottenere questa vergogna? Hitler almeno i disabili li eliminava gratis. No signori, voi non volete davvero dare allo Stato la possibilità di costruire un sistema in cui ci sia una finta “scelta” tra curare i sofferenti con centinaia di migliaia di euro all’anno o finirli con una iniezione di pentobarbital il cui principio attivo costa 13 euro. Non la volete la legge sull’eutanasia che hanno Belgio, Olanda e Lussemburgo che nel 2001 hanno soppresso 60 persone e nel 2016 oltre 15mila e non erano 15mila Dj Fabo. Non fatevi fregare. Non volete l’inferno

Per questi commenti Adinolfi è stato sospeso temporaneamente da Facebook ed è arrivata immediatamente la replica di Marco Cappato, il membro dei Radicali italiani che ha accompagnato Antoniani a morire: “La differenza tra un disabile gasato e ammazzato in un campo di concentramento e un malato terminale che sceglie di interrompere quella che considera una tortura non merita nemmeno di essere spiegata”.