Dopo che la Corte suprema indiana ha accolto il ricorso dei marò contro l’utilizzo della polizia Nia antiterrorismo e aver sospeso il processo a loro carico per le prossime quattro settimane, arrivano nuove notizie che riguardano Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Del caso aveva parlato ieri anche il presidente del Consiglio nel suo incontro con il presidente Barack Obama. Renzi ha dichiarato di aver “ringraziato il governo degli Usa per il supporto dato in questa fase di discussione internazionale e ho chiesto al presidente Obama di poter contare su un ulteriore appoggio e sostegno”.

Secondo fonti legali il ricorso accolto dalla Corte “contesta in toto il diritto dell’India a condurre l’inchiesta e a giudicare i marò”. Il governo italiano ha divulgato una nota in cui chiede “con forza”  l’intervento della giurisdizione italiana sulla vicenda e l’immediato ritorno dei due marò in patria. Secondo quanto affermato nella nota di Palazzo Chigi “Il governo continuerà a svolgere tutte le azioni internazionali utili a raggiungere quanto prima entrambi gli obiettivi”.

Foto by InfoPhoto