Un’altra beffa per i due fucilieri di Marina Massimiliano LatorreSalvatore Girone. E’ slittata infatti l’udienza prevista oggi al tribunale speciale di New Delhi per l’assenza del giudice, indisposto. I due marò italiani, trattenuti in India da due anni e mezzo, dovranno attendere adesso il 14 ottobre, quando è prevista la prossima udienza.

L’istanza al tribunale speciale era stata presentata nel novembre del 2013 dalla polizia antiterrorismo della Nia, con l’opposizione da parte della difesa italiana. Oggi lo sgambetto: “La data della nuova udienza è stata fissata per ottobre a causa di un calendario già completo per le settimane a venire” hanno fatto sapere all’Ansa fonti legali. Anche oggi, come nelle precedenti occasioni, Latorre e Girone non era presenti in aula.

Lo scorso 28 marzo, la Corte suprema indiana aveva sospeso il processo a carico dei due fucilieri presso il giudice speciale dopo aver ammesso un ricorso sull’incompetenza della Nia a condurre le indagini in assenza di leggi speciali. Attualmente, il massimo organo giudiziario di New Delhi è in attesa delle controdeduzioni da parte del governo indiano sul ricorso italiano.

Il prossimo 14 ottobre, in ogni caso, difficilmente sarà risolutivo. Il tribunale, in questa data, dovrebbe infatti disporre un nuovo rinvio, dopo aver preso atto dell’ordine della Corte suprema in cui è stato ammesso un nuovo ricorso dei militari e sono stati sospesi i procedimenti giudiziari a loro carico. Si supereranno insomma i tre anni di permanenza forzata in India da parte dei nostri marò.