Soltanto pochi giorni fa avevamo segnalato una notizia proveniente dal Marocco, in cui si denunciava l’arresto di due uomini omosessuali, fermati dalle forze dell’ordine perché si erano abbracciati in pubblico (clicca qui per leggere tutti i dettagli su quanto accaduto). Oggi un’altra notizia, sempre proveniente dal Marocco, è riuscita a sollevare un clamore anche maggiore: il settimanale Maroc Hebdo è stato pubblicato mettendo in copertina la foto di due omosessuali in piscina e il provocatorio titolo: “Faut-il bruler les homos?” (Si devono bruciare gli omosessuali?).

La copertina è attualmente stata impostata anche come immagine di sfondo sulla pagina Facebook del settimanale e il numero che sta facendo discutere parecchio contiene al suo interno un dossier sull’omosessualità, tema assai dibattuto negli ultimi tempi in Marocco, visto che il Ministro della Salute vorrebbe depenalizzare l’omosessualità nel Paese. Si ricorda infatti, che almeno per il momento, l’omosessualità è ancora un reato penale, punito con sanzioni detentive che possono arrivare fino ai tre anni di carcere.

Oltre alla copertina con titolo provocatorio, ad aver suscitato il dibattito e le proteste in rete sarebbero state anche alcune frasi riportate all’interno del dossier (“Certo, è un diritto individuale. Ma che ne è della morale e dei valori religiosi?“), che si sono guadagnate insulti, segnalazioni e frasi di sdegno e stupore. Maroc Hebdo è infatti stato sempre considerato come una rivista piuttosto attenta e sensibile ai cambiamenti che stanno avvenendo in Marocco.