Una domenica di terrore. Dopo il camion che si è lanciato sulla folla in Canada (ferendo cinque persone), un uomo – a Marsiglia – ha ucciso a coltellate due donne (una sarebbe stata sgozzata mentre l’altra pugnalata) che si trovavano in stazione. Avrebbe gridato “Allah Akbar”, il grido usato dagli jihadisti: a riferirlo sono i testimoni dell’ennesimo attacco terrorismo, dell’ennesimo episodio di sangue e paura. I fatti si sono verificati intorno alle 13.45 nei pressi della stazione Saint-Charles a Marsiglia: l’uomo, subito dopo il tragico gesto, sarebbe stato bloccato e ucciso dai soldati di guardia che avrebbero sparato almeno due colpi per neutralizzarlo.

La stazione è stata evacuata mentre il traffico in entrata e uscita dalla stazione risulta attualmente interrotto. La tensione è altissima.

“Dopo l’attacco avvenuto nelle vicinanze della stazione di Saint Charles, mi reco immediatamente sul posto” è il commento, via Twitter, del Ministro dell’Interno francese Gerard Collomb che è intervenuto per commentare l’attacco a Marsiglia.