È un piccolo smacco per l’Italia lo scivolone di cui è stato vittima il celeberrimo chef Massimo Bottura: la sua Osteria Francescana sita a Modena è infatti passata al secondo posto del World’s 50 Best Restaurants, la classifica annuale stilata dal mensile britannico Restaurant.

Il rinomato locale è stato infatti scalzato dall‘Eleven Madison Park Restaurant gestito da Daniel Humm, a New York, mentre terza posizione è occupata dal locale catalano El Celler De Can Roca. Significativo constatare come il terzetto sia lo stesso dell’anno scorso, solo a posizioni invertite.

La classifica, in vigore dal 2002, viene stilata attraverso il contributo di migliaia di esperti indipendenti del settore che includono giornalisti, chef e ristoratori.

La premiazione è avvenuta a Melbourne, dove i tre cuochi si sono abbracciati all’insegna del fair play. In ogni caso Massimo Bottura si è aggiudicato il premio come miglior chef d’Europa, tutt’altro che un riconoscimento da definirsi consolatorio.

Tra gli italiani presenti in classifica si segnalano Enrico Crippa di Piazza Duomo ad Alba al 15esimo posto, i fratelli Alajmo de Le Calandre a Rubano al 29esimo, Niko Romito del Reale a Castel di Sangro al 43esimo e infine David Scabin del Combal Zero di Torino al 59esimo.

Manca tuttavia una presenza femminile, a testimonianza di come nell’ambiente viga ancora una certa disparità di genere.