Vicedirettore del quotidiano La Stampa, Massimo Gramellini è un giornalista e scrittore italiano. E’ autore di alcuni saggi che trattano della società e della politica italiana e di alcuni romanzi di successo. Grande appassionato di calcio, Gramellini scrive anche svariati libri sulla sua squadra del cuore, il Torino. Tra questi: “Granata da legare” (2006), “Ci salveranno gli ingenui” (2007) e “Toro. I migliori derby della nostra vita” (2007).

Nel 2010 esordisce come romanziere con ‘L’ultima riga delle favole’ (Longanesi), vendendo, solo in Italia oltre 250 mila copie. Un romanzo immerso in un’atmosfera romantica e surreale al contempo, il cui protagonista, un giovane professore, si trova a dover affrontare sentimenti del tutto inattesi che lo condurranno in una sorta di limbo chiamato “Terme dell’anima”, dove finiscono coloro che fuggono dai desideri a cause della paura della responsabilità. Segue ‘La patria, bene o male’ (Mondadori Editore, 2010), scritto a quattro mani con Carlo Fruttero; un almanacco che ripercorre la storia del nostro Paese, dall’Unità ad oggi, attraverso 150 date e altrettante brevi storie, chiamando in causa i personaggi che hanno contribuito a fare del nostro un grande Paese. Due anni dopo, nel 2012, Gramellini pubblica ‘Fai bei sogni’, romanzo autobiografico in cui l’autore racconta il difficile percorso di crescita interiore che ha dovuto compiere per superare la scomparsa della madre (morta quando lui aveva solo 9 anni). Con oltre un milione di copie, ‘Fai bei sogni’ è risultato il libro più venduto del 2012. Nel 2014 escono quindi “La magia di un buongiorno”, raccolta di alcuni dei corsivi che da quindici anni Gramellini scrive in fondo alla prima pagina del giornale per cui lavora, La Stampa, e ‘Avrò cura di te’, romanzo epistolare divertente e commovente, scritto a quattro mani con Chiara Gamberale. Una lettura ironica, leggera e profonda allo stesso tempo, che riflette e fa riflettere sulle difficoltà dei rapporti di coppia, sulla complessità dell’amore e sulle mille forme che esso può assumere.

Tra le altre pubblicazioni ricordiamo ‘Colpo grosso’, sull’Italia di Berlusconi, scritto insieme a Pino Currias e Curzio Maltese nel 1994; ‘Compagni d’Italia’(1997), sull’Italia dell’Ulivo, e la raccolta in volume dei “Buongiorno”.