Nel corso della cerimonia di inaugurazione di Expo 2015, Sergio Mattarella ha tenuto un discorso che ha toccato vari argomenti. In particolare, il presidente della Repubblica ha tenuto a sottolineare come questo evento possa essere un punto di svolta per il nostro paese, ma non solo.

Sergio Mattarella ieri sera durante il concerto inaugurale dell’Expo 2015 che si è tenuto a Milano in Piazza Duomo, condotto da Paolo Bonolis e Antonella Clerici e con Andrea Bocelli grande protagonista, ha dichiarato: “L’Expo sia un punto di svolta, nutrire gli abitanti della Terra è una questione cruciale”.

Il presidente della Repubblica si è quindi auspicato che la Carta dell’Onu riconosca il diritto al cibo e si è inoltre augurato che: “L’Expo sia un punto di svolta nella gestione dei maggiori eventi nazionali,” prima di ricordare che: “La corruzione è infezione che può distruggere il corpo di una società”.

Un argomento quest’ultimo su cui Sergio Mattarella è particolarmente sensibile. Già nel corso di una recente intervista concessa al Corriere della Sera, il presidente italiano aveva condannato gli episodi di corruzione che avevano contraddistinto alcune fasi della preparazione di Expo 2015.

Sergio Mattarella nel suo discorso inaugurale ha poi dichiarato: “L’Expo italiana intende dare un contributo culturale, sociale, di innovazione, di ricerca, di impresa, finalizzato a obiettivi di giustizia e di pace. Gli sforzi organizzativi di queste settimane, l’ospitalità che sapremo offrire, i segni della storia e le bellezze del nostro Paese che intendiamo mostrare, sono incardinati in questa grande scommessa”.

Mattarella ha infine concluso il suo discorso con parole di buon auspicio nei confronti sia dell’evento che del nostro paese: “Non ho mai avuto dubbi sulla capacità dell’Italia di ripartire, e i segni di vitalità sono già visibili alla partenza dell’Expo. Resto convinto, però, che il motore della fiducia si alimenti soprattutto con la qualità, con valori autentici, con la visione del futuro, con la solidarietà che interagisce con le dinamiche economiche”.