I rumors in Rete fanno un solo nome: Tacito. Potrebbe essere sua la versione di latino per la seconda prova scritta della Maturità classica 2013. Noi non abbiamo la palla di cristallo e l’unico consiglio che possiamo darvi è di studiare e ripassare fino all’ultimo secondo.

Comunque gli altri nomi che girano riguardano Vitruvio, Seneca e Cicerone. Il primo sicuramente più indigesto degli altri due che già sono stati “pescati” negli anni scorsi.

Possiamo comunque darvi una mano elencando le versioni  che già sono uscite negli ultimi anni:
1989: “Non vi è eloquenza senza libertà” Dial. de orat. 36. 1-4 [Tacito]

1992: “Serietà di studi e oculatezza di scelte alla base del successo” Petronio Satyricon, 4, 1-4

1994: “Nella conversazione non si deve mai mettere in imbarazzo l’interlocutore” Macrobio Saturnali 7. 3-5

1995: “Chi propone ai cittadini leggi e regole di vita deve essere il primo ad osservarle” Cicerone, De Republica 1. 34

1997: “L’uomo è per sua natura assetato di conoscenza” De otio 5 [Seneca]

2000: “La formazione dell’architetto” De architectura 1. 11-13 [Vitruvio]

2002: “Non c’è amicizia senza lealtà” Laelius de amicitia 18 [Cicerone]

2003: “Il lento cammino della conoscenza” dal Naturales quaestiones VII (25) [Seneca]

2005: “Caso e necessità” dagli Annales VI (22) [Tacito]

2007: “Io ho quel che ho donato” dal De Beneficiis XI [Seneca]

2009: paragrafi 88 e 89 dal De Officis I [Cicerone]

2011: “Il vero bene è la virtù” da Ad Lucilium, Libro XIII (Lettere LXXII-LXIV) [Seneca]

Buono studio! E tenetè d’occhio il nostro speciale sulla Maturità 2013!

LINK UTILI:
Commissioni esterne maturità 2013: ecco la lista ufficiale di tutti gli esaminatori.

Tracce maturità 2013: concentriamoci su avvenimenti e ricorrenze importanti.

Esami maturità 2013 seconda prova: tutto ciò che c’è da sapere per arrivare preparati.

Esami maturità 2013 terza prova: tutto ciò che c’è da sapere per arrivare preparati.