Dopo la prima e la seconda prova scritta, lunedì è il turno del temuto quizzone! Un intero week end separa gli oltre 500mila studenti alle prese con gli esami di maturità dalla famigerata terza prova. Ma come utilizzare al meglio il breve tempo a disposizione per il grande ripasso finale?!

Ecco qualche consiglio utile:

Concentratevi (è fondamentale!), spegnete i cellulari e scegliete con cura il luogo designato alla grande fatica, dev’essere silenzioso, fresco e assolutamente privo di TV e PC, grandi fonti di distrazione!

Visto il gran caldo delle ultime settimane (acquazzoni imprevisti permettendo) può essere una buona idea studiare all’aria aperta: un parco, un chiostro, un cortile, purché sia all’ombra e le occasioni di distrazione siano poche..

Fate pause! Questi gli intervalli consigliati dagli esperti per mantenere alta la concentrazione: 40/50 min di studio;  10/15 min di pausa;  10 min di ripasso.

Inutile a questo punto perdere tempo nella stesura di lunghi riassunti. Il ripasso deve essere veloce: se siete stati previdenti e i riassunti sono stati preparati in precedenza, un ottimo metodo è studiare solo su quelli, accantonando i libri, altrimenti occorre preparare delle più veloci mappe concettuali per focalizzare i punti cruciali delle diverse materie. Concentrarsi su di essi potrebbe rivelarsi una tecnica vincente, visto che il test non rende indispensabile una conoscenza dettagliata, richiesta invece in sede di colloquio orale.

Cominciate focalizzandovi sui punti deboli e cercando di chiarire i dubbi e gli aspetti che generano maggiori difficoltà. Quindi consolidate lo studio e la memorizzazione degli argomenti aiutandovi anche con gruppi di studio: porsi domande a vicenda, cercando di prevedere le possibili domande che potrebbero essere poste dalla commissione è una strategia che aiuta a formulare in anteprima le modalità di risposta, ma utile si rivela anche interrompere di tanto in tanto il ripasso per esercitarsi sulle prove degli anni passati.

Per non mandare all’aria tutto il faticoso lavoro svolto, ricordate infine che è fondamentale mantenere i nervi saldi il giorno dell’esame! Leggete attentamente le domande evitando di essere troppo frettolosi nel dare la risposta. Vale la pena perdere qualche minuto in più in questa fase per essere sicuri di aver capito bene ciò che vi viene richiesto. Può essere più dannoso infatti scrivere una risposta sbagliata che dare una risposta in meno.

Rispondete prima alle domante di cui siete certi. Sulle altre potrete tornarci successivamente dosando meglio il tempo che ti rimane a disposizione.

Importantissimo nel caso di domande a risposta aperte è organizzare le informazioni che si vogliono inserire in base al numero di righe, o di parole utilizzabili, prima di iniziare a scrivere. Cercate inoltre di centrare subito l’argomento e di scrivere l’essenziale, evitando di essere troppo dispersivi. Per le domande a risposta multipla (a crocette) escludete prima quelle che sono palesemente errate e concentratevi su quelle che rimangono, cercando di evidenziare le sfumature che le differenziano per decidere correttamente.

A lavoro terminato non trascurate quindi di rileggere attentamente tutti i quesiti per verificare che non siano stati commessi errori di distrazione.

LEGGI ANCHE:

Commissari esterni Maturità 2014: il Miur scopre i nomi dei docenti inseriti negli elenchi

Tracce Temi Maturità 2014: prima prova, ecco le soluzioni per lo svolgimento

Maturità 2014 seconda prova: consigli per svolgere le tracce e link utili

photo credit: WanderingtheWorld (www.ChrisFord.com) via photopin