Oggi è la vigilia della maturità 2017, ed ecco una piccola “guida” su cosa si può portare o meno agli esami di Stato.

Maturità 2017, prima prova

Come da tradizioni, gli esami di maturità cominciano con il tema di italiano durante il quale è possibile portare con sé solamente il dizionario e il vocabolario di sinonimi e contrari.

Maturità 2017, seconda prova

Il giorno dopo è la volta della seconda prova, che varia da un istituto all’altro. Al liceo classico – dove la prova è sul latino – i maturandi possono portare solo il dizionario di latino; allo scientifico, per la seconda prova di matematica, si potrà portare la calcolatrice scientifica o (da quest’anno) la calcolatrice grafica che però non si possa connettere ad internet, rete elettrica o che non abbia CAS ( sistema di algebra computazionale); al linguistico si potrà portare un dizionario della lingua d’esame ma senza traduzione in italiano.

Maturità 2017, terza prova

Alla terza prova, il cosiddetto “quizzone”, saranno consentiti solo dizionario di italiano e di lingua straniera, sinonimi e contrari e e calcolatrici.

Maturità 2017, cosa è vietato

Ovviamente vietatissimi i bigliettini, appunti ma anche qualsiasi tipo di foglio bianco. Solo i fogli di protocollo ufficiali consegnati dalla commissione possono essere utilizzati durante le tre prove scritte. Smartphone, tablet e anche smartwatch non possono essere portati all’interno della scuola durante gli esami.