Ultima prova scritta per 500mila studenti che in questi giorni hanno affrontato la Maturità 2017. Dopo aver superato la prova di italiano (con tracce che non hanno soddisfatto i più, ndr) e con la seconda temutissima prova soprattutto allo scientifico e al classico, i maturandi oggi dovranno confrontarsi con un test che varierà da scuola a scuola, essendo preparato dalle singole commissioni d’esame degli istituti scolastici italiani.

Maturità 2017, ecco cos’è il quizzone

L’ultimo test scritto, il cosiddetto “quizzone”, verterà su diverse discipline con domande che saranno preparate dalle singole commissioni d’esame e non più dal Ministero dell’Istruzione (che, invece, si è occupato delle prime due prove). Si tratta del secondo test più temuto dopo quello della seconda prova, con il latino al classico e la matematica allo scientifico.

Maturità 2017, dal quizzone agli esami orali

La terza prova, di fatto, prevede quesiti a risposte aperte o domande a risposta multipla. Finito il quizzone (che si terrà oggi in tutti gli istituti scolastici italiani), gli studenti dovranno ultimare la tesina e prepararsi per gli esami orali che cominceranno già a fine giugno-inizio luglio e durante i quali i maturandi verranno interrogati su tutto il programma scolastico. Una prova fondamentale per la definizione del voto finale della Maturità 2017.