Si fa sempre più rigorosa la battaglia contro chi sconsiglia o pone qualche dubbio sui vaccini. Da una parte c’è il Governo che ha previsto sanzioni fino a 7500 euro e la sospensione della potestà genitoriale, dall’altra c’è l’Ordine dei Medici di Milano che, ieri, ha radiato un medico legale tra i primi firmatari di una lettera che esprimeva perplessità sulle vaccinazioni pediatriche. Il medico ha già annunciato di voler presentare ricorso: “La cosa mi pesa molto e farò il possibile per far ritirare il procedimento”.

Vaccini, pugno duro dell’Ordine dei Medici e del Governo

“Aspetterò le motivazioni perché non ho ancora ricevuto alcuna indicazione in merito. Contro il provvedimento farò il possibile perché penso che tutelare la salute dei bambini e degli adulti sia questione di informare adeguatamente sulle vaccinazioni anziché imporle. Purtroppo le scelte del Governo vanno nella direzione di imporle e di far fuori tutti quelli che hanno una voce appena un po’ critica. Non tanto sulle vaccinazioni ma per zittire chiunque ponga dei problemi sul tema” ha precisato il medico radiato che, dunque, farà ricorso già nei prossimi giorni.

Vaccini, radiazione votata all’unanimità

Il provvedimento è stato adottato all’unanimità dei 15 membri che costituiscono la commissione disciplinare dell’Ordine dei medici di Milano.