Spegne 30 candeline la Fondation Cartier pour l’Art Contemporain e per celebrare l’evento ospita una mostra, Mémoires Vives, che conta la partecipazione degli artisti più creativi con cui ha collaborato nel corso degli anni.

Tra questi, Issey Miyake.

Correva l’anno 1998 quando la Fondation Cartier presentò “Issey Miyake: Making Things”, un viaggio che accompagnava lo spettatore nel visionario universo del designer giapponese, fatto di giocosità, eleganza e costante ricerca.

Oggi, Issey Miyake torna per l’appunto a collaborare con la Fondazione, per celebrarne il 30imo compleanno.

Il risultato è un’eterea installazione luminosa che si sviluppa nel giardino e nel piano terra di 261 Boulevard Raspail a Parigi.
Le lampade IN-EI Issey Miyake, realizzate da Artemide dietro la creatività del designer e del suo team Reality Lab, mettono in scena un silenzioso balletto di luce, che illumina le altre opere che con loro condividono la scena.

In un elegante gioco di luci e ombre, Issey Miyake accompagna così lo spettatore alla scoperta della sofistica mostra che la Fondation Cartier porta in scena.

Mémoires vives
Fondation Cartier pour l’Art Contemporain
261 Boulevard Raspail – Paris
10 maggio – 21 settembre