È entrata in coma l’insegnante d’asilo di 45 anni della provincia di Terni colpita da un attacco di meningite fulminante nel tardo pomeriggio dello scorso venerdì.

La donna aveva accusato i sintomi tipici della malattia, e le era sta diagnostica una meningoencefalite associata alla pansinusite, infenzione piuttosto grave che avrebbe dato luogo alla patologia.

Ricoverata nell’ospedale Santa Maria della città di Terni, la maestra è successivamente entrata in coma e le sue condizioni al momento sono state descritte come “preoccupanti“.

Le prime analisi non avevano riscontrato la presenza di una forma contagiosa di meningite ma la USL ha ritenuto necessario provvedere in via precauzionale alla profilassi dei bambini presenti nell’edificio scolastico, nonché di tutto il personale, in totale circa un centinaio di persone.

Dopo aver avvisato il dirigente della struttura, oltre che agli operatori sanitari che hanno preso in cura la paziente, gli antibiotici sono poi stati distribuiti ai bambini e ai lavoratori della scuola materna dove lavora la donna.

Questo il comunicato diramato dai medici: “In attesa di ricevere l’esito degli esami colturali per conoscere l’eziologia batterica e verificare se si tratti o meno di meningite meningococcica, è già stata fatta denuncia alla Usl Umbria 2 per l’attivazione delle misure di profilassi dei contatti”.