Come già accaduto pochi giorni fa a Milano, anche a Firenze è stato segnalato un caso di meningite e si sta cercando di contattare tutte le persone che la notte fra il 20 e il 21 novembre si sono recate presso le discoteche Dolce Zucchero di via Pandolfini e Twentyone di via Dei Cimatori (l’ex Andromeda), entrambe frequentate dal ragazzo di ventisei anni ricoverato in ospedale proprio a causa di un episodio di meningite.

La Asl ha fatto sapere che il giovane ha sviluppato la meningite a causa del batterio di tipo C, che può risultare anche letale, e che per questo sono già state sottoposte a profilassi le persone a lui più vicine (come familiari e amici). La Asl ha fatto anche sapere che chiunque fosse presente nei due locali indicati, nei giorni segnalati, dovrebbe mettersi in contatto con un medico, una guardia medica oppure con il servizio di igiene pubblica per iniziare eventualmente la stessa profilassi antibiotica anche nel caso si sia già effettuata la vaccinazione antimeningococcica, a scopo preventivo e cautelativo.

Il ventiseienne di Firenze ha fatto registrare il trentacinquesimo episodio di meningite quest’anno. Il batterio di tipo C è stato quello più frequente, dato che ha causato 29 dei 35 casi noti (10 solo nella Asl di Firenze). Il batterio C, inoltre, è risultato letale in sei dei sette casi di morte.