In Messico una rivolta in carcere si è trasformata in una vera e propria strage, che ha fatto registrare un bilancio davvero impressionante. Secondo i dati, ancora provvisori, vi sarebbero almeno 60 morti e più di 70 feriti come conseguenza dell’insurrezione.

La drammatica rivolta è avvenuta nel carcere di Topo Chico a Monterrey, nel nordest del Messico. Stando a quanto riporta Milenio Tv, il numero delle vittime è impressionante: sarebbero più di 60 le persone che hanno perso la vita, oltre a varie decine di feriti. Un bilancio confermato anche dal quotidiano messicano Reforma online.

La rivolta nel carcere del Messico è avvenuta nella notte tra mercoledì e giovedì, intorno alla mezzanotte e mezza dell’ora locale e sarebbe proseguita per circa un’ora, prima che la situazione fosse riportata sotto controllo da parte delle forze dell’ordine. Ad annunciare la fine della rivolta è stato il governatore dello stato del Nuevo Leon attraverso Twitter.

Non si tratta per altro del primo episodio di questo tipo. Sono numerose le rivolte scoppiate in Messico nel corso del ultimi anni e la situazione si fa particolarmente allarmante nel paese soprattutto ora, alla vigilia dell’arrivo di Papa Francesco. Bergoglio atterrerà nel paese americano mercoledì prossimo, il 17 febbraio. Tra gli appuntamenti previsti, e che a questo punto si preannunciano a rischio, vi è anche la visita proprio a una prigione in quel di Ciudad Juarez, che per altro è considerata una delle città con il più elevato tasso di violenza nel mondo.

A far nascere questo nuovo caso di rivolta in un carcere del Messico sembra sia stato un tentativo di fuga. Il piano dei prigionieri non è però andato come previsto e le conseguenze del loro tentativo sono state tragiche. Tra le vittime sembra che ci siano, oltre ai fuggiaschi, anche alcune persone che erano andate a fare visita ai loro cari in carcere. In attesa che vengano dati maggiori chiarimenti riguardo a quanto accaduto, secondo le autorità locali comunque nessuno sarebbe riuscito a evadere dal carcere di Topo Chico.