L’Italia, dopo essere finita nel fine settimana in una vasta circolazione di bassa pressione che ha interessato gran parte dell’Europa centro occidentale – con generale riduzione delle temperature nel Vecchio Continente (specie in Scandinavia e Gran Bretagna) -, grazie ad un forte anticiclone di blocco sulla Groenlandia, il nostro paese si trova ora all’interno di un anticiclone africano che porta con sé un graduale aumento delle temperature che interesserà tutta la Penisola –  in particolare al centro e nel Mezzogiorno, dove si dovrebbero raggiungere, nel prossimo week-end, temperature che arriveranno a sfiorare i 30 °C – per un vero e proprio anticipo d’estate.

Queste temperature estive dovrebbero resitere fino al 20/21 del mese – e non si esclude un nuovo capovolgimento nella terza decade del mese di aprile. Al Nord è previsto l’arrivo di una perturbazione nella giornata di mercoledì che dovrebbe portare qualche pioggia ed aria più fresca. Complessivamente comunque ci si aspetta un aumento delle temperature su tutto il territorio nazionale, e secondo i meteorologi l’arrivo dell’anticiclone sembra essere il preludio ad un’estate che si annuncia decisamente calda.

Le zone in cui si dovrebbero raggiungere le temperature più elevate sono quelle del Foggiano, le aree interne del Barese, del Ragusano, del Siracusano – e di tutta la Sardegna, il Nord del Potentino, del Materano e dell’Agrigentino, del Nisseno e dell’Ennese, oltre al Sud Palermitano.