Questa mattina la circolazione dei treni è stata temporaneamente sospesa sulla linea A della metro di Roma a seguito della segnalazione di un incendio. L’allarme antincendio è scattato intorno alle 10 nei pressi della stazione della metro Barberini.  I passeggeri hanno avvistato delle colonne di fumo in una galleria.  L’ATAC, l’azienda che gestisce il trasporto pubblico romano, ha deciso di interrompere il servizio per consentire ai vigili del fuoco, giunti immediatamente sul posto, di effettuare le dovute verifiche e mettere l’area in sicurezza. I convogli della metro sono rimasti bloccati nelle stazioni in attesa della fine delle verifiche.

I sopralluoghi dei vigili del fuoco non hanno fatto emergere danni alle infrastrutture e situazioni di pericolo per i passeggeri. La circolazione, come reso noto dalla stessa ATAC su Twitter, dopo uno stop di 12 minuti è ripresa regolarmente. L’azienda municipalizzata fa sapere ai viaggiatori che a causa della temporanea interruzione del servizio su tutta la linea della metro A potrebbero esserci residui ritardi. Mentre il servizio è già ripreso resta invece ancora da chiarire cosa abbia fatto scattare l’allarme antincendio alla stazione Barberini.

L’ex assessore ai Trasporti del Comune di Roma Stefano Esposito ha fatto sapere su Twitter che le colonne di fumo avvistate nella galleria provenivano da un principio di incendio scoppiato nella sala tecnica tra la stazione Barberini e la stazione Termini. L’allarme antincendio è scattato anche alla stazione Termini scatenando il panico tra i viaggiatori. Centinaia di passeggeri che stavano aspettando il treno sulle banchine hanno immediatamente abbandonato la stazione.

Per i pendolari romani si tratta dell’ennesima giornata da dimenticare. Questa mattina infatti anche la circolazione ferroviaria è stata interrotta a Roma Sud a seguito dell’investimento di un passeggero nei pressi della stazione Casilina. L’incidente, avvenuto intorno alle 5 del mattino, ha causato disagi a centinaia di pendolari costretti ad aspettare la fine dei sopralluoghi della polizia prima di poter ripartire. Due giorni fa un falso allarme attentato alla stazione Termini aveva gettato nel caos l’intero snodo ferroviario.