Come succede ogni anno durante la seconda domenica di gennaio, anche il 2017 non poteva farsi mancare il “No pants day“. Ieri 8 gennaio decine di giovani di Milano, Londra e Vancouver hanno viaggiato nella metropolitana della loro città senza gonne e pantaloni ma sfoggiando solo delle caste mutande nonostante le temperature proibitive.

no pants day

Questo particolare flash mob è nato a New York nel 2002, arrivando a Milano nel 2011: per l’occasione tutti i partecipanti in déshabillé, seguendo le indicazioni che vengono fornite attraverso Facebook, si presentano in un luogo preciso ed insieme girano la città in lungo e largo sui vagoni della metropolitana. Il giorno fatidico cade sempre nel periodo dei saldi e, quindi, i ragazzi coraggiosi si ritrovano a viaggiare in mezzi pubblici pienissimi di gente pronta a correre nei negozi per lo shopping più sfrenato.

no pants day

Per partecipare al flash mob è, ovviamente , richiesta innanzitutto una buona dose di sfacciataggine: i ragazzi in mutande devono fingere di non conoscersi e comportarsi normalmente, leggendo un giornale o ascoltando la musica così come farebbero in un viaggio qualunque per andare a lavoro. Gli organizzatori, tra l’altro, suggeriscono sempre delle risposte simpatiche da dare a chi, magari, dovesse esprimere disappunto, come ad esempio: “ho dimenticato di mettere i pantaloni“, “erano veramente scomodi” o “in effetti fa un pò freddino“. Quest’anno,  per quanto riguarda Milano, il punto d’incontro per i partecipanti è stato piazza Leonardo da Vinci, nelle vicinanze della stazione di Piola, e da lì i coraggiosi si sono sposati spostati in metro fino ad invadere la centralissima Piazza Duomo.

no pants day