Ennesimo attacco omofobico nei confronti di due giovani ragazzi, Michele Marcello, che si trovavano fuori da una discoteca quando, senza alcun motivo, sono stati avvicinati da un branco di coetanei, e così sono stati insultati e picchiati. E’ successo tra sabato e domenica a Milano dove il primo ragazzo è stato colpito al volto con un pugno – e subito operato al naso – mentre il secondo sarebbe ancora sotto i ferri. Michele, raggiunto telefonicamente da Tgcom24, ha dichiarato: “Non è stata un rapina, quelli lì cercavano qualcuno da picchiare e hanno preso la scusa che il terzo di noi avesse sfiorato uno di loro per aggredirci [...] E’ stato un attacco omofobico, siamo stati insultati e ci hanno urlato fr…”.

Aggrediti da 8 persone perché gay

“Stavamo raggiungendo l’auto dopo una serata in discoteca, eravamo quasi arrivati quando passiamo davanti ad un gruppo di coetanei. Il terzo amico, che era con noi, sfiora la spalla di uno di loro e da lì inizia tutto. Probabilmente non aspettavano altro per aggredirci [...] Iniziano a dirci che li avevamo provocati anche in pista ma noi siamo sicuri di non averli mai visti prima” aggiunge Michele. Ad uno di loro hanno “strappato dalle mani il telefono e gli hanno rubato il portafoglio, ritrovato poi a 20 metri di distanza”. Il branco era composto da 8 persone, tutti italiani e sui vent’anni.

Prima erano stati insultati

Adesso gli inquirenti stanno visionando le telecamere della zona per risalire agli autori dell’aggressione.