La notizia non da tutti i giorni è che Jean-Claude Juncker e Matteo Renzi per una volta sono assolutamente d’accordo. Se a livello economico il presidente della Commissione europea e il presidente del Consiglio italiano si sono spesso attaccati, arrivando a usare anche parole piuttosto polemiche l’uno nei confronti dell’altro, sul tema dei migranti invece le loro posizioni sono ora vicine.

Juncker ha lodato la proposta da parte del governo italiano del cosiddetto “Migration Compact”, una serie di misure volte ad aiutare i paesi africani, in modo da arginare, o se non altro diminuire, i flussi di migranti in direzione Europa.

Attraverso una lettera, Jean-Claude Juncker risponde in maniera positiva a quella del governo Renzi: “Apprezzo molto l’iniziativa che conferma l’approccio europeo che ho promosso sin dalla mia nomina alla Commissione”.

Il presidente della Commissione europea sottolinea che la proposta italiana è in linea con gli obiettivi dell’Ue: “Concordo con lei sulla necessità di guardare a mezzi innovativi per finanziare la nostra azione esterna nel campo delle migrazioni. Questo è esattamente l’obiettivo dell’Ue-Africa Trust Fund, con una dotazione di 1,8 miliardi di euro, che è stato concordato nel summit della Valletta nel novembre 2015, il cui scopo è quello di fare da complemento e di rafforzare gli strumenti finanziari esistenti dell’Ue e dei suoi Stati membri”.

Juncker annuncia quindi: “Ho dato mandato al vice presidente Timmermans, in stretta collaborazione con l’Alto rappresentante Federica Mogherini, di preparare una Comunicazione sulla situazione degli aspetti esterni dell’Agenda europea sui migranti che potrebbe servire da base per le nostre discussioni al prossimo summit”.

Juncker ha quindi espresso l’intenzione di mantenere un dialogo aperto con il nostro paese sulla complicata questione migranti e dice a Renzi: “La Commissione Europea continuerà a lavorare duro e a spingere per avere più Europa, più ambizione e un’implementazione più rapida di tutti gli aspetti dell’agenda europea sulle migrazioni, inclusi i suoi aspetti esterni. Conto sul suo continuo sostegno e conto di lavorare a stretto contatto con lei in questo sforzo molto importante”.