La Guardia Civil spagnola ha ritrovato due migranti nascosti all’interno di un’automobile, mentre cercavano di passare la frontiera del Marocco per giungere in Spagna. I due migranti nascosti sono stati ritrovati in condizioni piuttosto precarie: uno di loro era incastrato all’interno del vano motore del veicolo mentre l’altro sotto i sedili posteriori.

I due uomini, entrambi originari dell’Africa sub-sahariana, sono apparsi subito molto provati non soltanto a causa delle posizioni scomode e innaturali ma anche per via delle altissime temperature e dei gas respirati nel corso di varie ore di viaggio. Le forze dell’ordine spagnole hanno immediatamente arrestato l’uomo che guidava il veicolo e condotto i due migranti nascosti nell’auto presso l’ospedale più vicino, visto che i due profughi presentavano i sintomi della disidratazione e della spossatezza.

https://twitter.com/guardiacivil/status/638270521772240896

Sono stati i medici dell’ospedale, che hanno prestato soccorso ai due migranti ad aver confermato che entrambi hanno rischiato di perdere la vita (era già accaduto poco tempo fa in Spagna, quando un immigrato, nascosto all’interno di una valigia su un traghetto, non era riuscito a sopravvivere). La vicenda riporta alla mente anche quanto accaduto di recente, sempre in territorio spagnolo: un bambino era stato ritrovato all’interno di una valigia e in quel modo era riuscito ad arrivare fino a Ceuta (clicca qui per leggere la notizia).

Sembra proprio che ormai si sia arrivati a soluzioni estreme pur di scappare dalla povertà oppure da Stati martoriati dalla guerra e da situazioni difficili da sopportare. Dopo il ritrovamento del camion abbandonato in Austria e dopo che in Spagna si stanno susseguendo gli intercettamenti di moto d’acqua in difficoltà nello Stretto di Gibilterra, forse l’Unione Europea deciderà di affrontare con il giusto pugno l’emergenza immigrazione.