L’ennesima tragedia del mare si è consumata nelle scorse ore al largo delle coste libiche. Un nuovo naufragio di migranti partiti dalla Libia ha causato 50 dispersi. Il naufragio è avvenuto a 40 miglia dalle coste libiche, da cui l’imbarcazione era partita nella notte.

I migranti superstiti raccontano il momento drammatico del naufragio, quando il gommone su cui viaggiavano ha iniziato a sgonfiarsi, come purtroppo capita spesso a causa dei gommoni monocamera utilizzati dai trafficanti di migranti. Questi gommoni hanno un fondo fragile, composto solo da un paio di assi di legno. I gommoni vengono riempiti oltre la loro capacità per massimizzare i guadagni delle organizzazioni criminali che lucrano sulla tratta dei migranti.

Il gommone è stato fortunatamente avvistato dall’elicottero di nave Mimbelli che ha notato l’imbarcazione in difficoltà ed è intervenuto, lanciando delle zattere di salvataggio. Un intervento che ha permesso di salvare decine di migranti. A bordo infatti nessuno aveva un telefono satellitare e non era potuta partire alcuna chiamata di richiesta di soccorso.

Nella zona del naufragio è subito intervenuta anche la nave Fenice, allertata dall’equipaggio dell’elicottero. La nave era reduce da un’altra operazione di soccorso che aveva portato al salvataggio di 120 migranti.

I soccorritori hanno salvato 52 migranti sul gommone e nelle acque intorno all’imbarcazione. Purtroppo, dal racconto dei superstiti, è emerso che sull’imbarcazione fatiscente si trovavano oltre 100 migranti al momento del naufragio. Secondo le autorità italiane, il bilancio provvisorio del naufragio di migranti è di 50 dispersi. Le prime ricerche dei migranti finiti in mare dopo il naufragio del gommone partito dalla Libia non hanno dato frutti.

Naufragio migranti: superstiti trasferiti a Lampedusa

I 52 superstiti nel frattempo hanno ricevuto le prime cure e sono stati trasferiti sulle motovedette della Guardia Costiera partite da Lampedusa, dove approderanno nella notte. Nelle prossime ore, secondo le autorità italiane, non sono previste nuove partenze di migranti dalle coste libiche a causa delle condizioni del mare in progressivo peggioramento.