Un bimbo di 7 anni, di nazionalità egiziana, è precipitato dal terzo piano di un palazzo di Milano, sito in viale Certosa, ed è stato trasportato, d’urgenza, in condizioni gravissime, all’ospedale di Niguarda. Gli inquirenti stanno cercando di capire come sia possibile che un bimbo di appena 7 anni possa essere precipitato dal terzo piano della sua abitazione e se con lui vi fossero anche i genitori.

Bimbo precipita dal terzo piano, indagini in corso

Il piccolo – che adesso si trova in coma presso l’ospedale di Niguarda – è stato immediatamente soccorso dai paramedici del 118 che hanno provato a rianimarlo sul posto prima di accompagnarlo, con codice rosso, al pronto soccorso più vicino per le cure del caso. Stando alle ultime informazioni trapelate, però, il bimbo sarebbe in gravi condizioni mentre i carabinieri – che continuano ad indagare senza sosta – dovranno chiarire la dinamica dell’incidente avvenuto a Milano.

Bimbo precipita dal terzo piano, prognosi riservata

In ospedale ci sarebbe anche la madre, ancora in stato di shock, che ha raccontato di trovarsi in casa quando il piccolo sarebbe precipitato dal balcone. A dare l’allarme, però, sarebbero stati i passanti visto che la donna non si sarebbe accorta di nulla poiché impegnata in lavori domestici (il padre, invece, era a lavoro). Ora il bimbo di 7 anni, che ha sbattuto violentemente contro l’asfalto, ha riportato diverse fratture al cranio. La prognosi resta riservata.